venerdì 14 febbraio 2014

Kenneth Rexroth

ANCORA L’IPOTESI DI LYELL                                                                                                                                                                                                         

                                              Tentativo d’illustrare gli antichi
                                              mutamenti della superficie terrestre
                                              con le cause ora in atto.
                                              Sottotitolo dei Principi di Geologia di Lyell


Qui la strada del monte finisce,
interrotta dal baratro dove il ponte 
fu spazzato via dall’acqua, anni fa.
La porpora della prima speronella 
brilla al primo sprazzo di sole 
del mattino d’aprile. Il torrente  
romba e fischia nella gola come 
una palla di cannone. Vicino 
alla cascata, la vita insormontabile 
affluita qui con l’equinozio, 
sensibile e sensuale, precipita fino 
al mare e alla morte. La trama                                          
di comprensione e angoscia                                                      
che stringe la carne in una camicia 
di Nesso; la tela rappresa dell’io                            
e del non io; muta e macchia                                           
il letto del sole con strali di fiori
come sangue sferzante l’acqua 
che ribolle nell’aria vibrante. 
Quest’ego, soggiogato dal dramma 
personale e dall’anonimo
smisurato spirito di vendetta
del mondo crollato e in rovina,
indugia in quest’immortalità
insensibile e ardente come il flusso                           
lavico che un tempo bruciava 
qui, e fermandosi disse: «Fin qui,
ma non oltre». E da allora parlò 
nel semplice linguaggio della pietra.
             


Siamo distesi nudi nella calda 
aria d’aprile sotto le sequoie 
rosse, sul dirupo assolato.
Quando ti pieghi su di me, 
sui tuoi fianchi vedo piccoli 
segni rossi come morsi, 
dove le pigne delle sequoie 
hanno segnato la tua carne. 
Sono gli stessi segni che si trovano  
sulla lignite del dirupo sopra 
di noi. Sequoia Langsdorfii 
prima del ghiaccio, e dopo 
sempervirens. Minima differenza
se non fosse per tutti quegli anni.

Qui, nel mortifero e dolciastro
fetore dei fiori di primavera, 
relitti galleggianti insieme,
lavati, freddi e nudi, sotto
quest’albero per un istante 
noi siamo sfuggiti all’amarezza                                   
d’amore, dell’amore perduto 
e dell’amore tradito. Ciò che potrebbe 
essere stato e ciò che potrà essere 
svaniscono insieme a ciò che è, 
lasciando solo questi ideogrammi 
impressi sugli idrocarburi 
eterni della carne e della pietra.
  

Traduzione di Francesco Dalessandro

Da The complete poems of Kenneth Rexroth, edited by Sam Hamill & Bradford Morrow, Copper Canyon Press, 2003 


3 commenti:

  1. Stupenda, difficile immaginare che l'originale possa essere all'altezza estetica della traduzione.

    RispondiElimina
  2. Assicuro che lo è. Grazie, comunque.

    RispondiElimina