mercoledì 22 marzo 2017

Francisco de Quevedo

A DUE BEGLI OCCHI CHE VIDE ALL’IMBRUNIRE
(un sonetto italiano di Quevedo)

Diviso il sole partoriva il giorno,
languido nella tomba d’occidente;
risorse dal sepolchro il lume ardente
di bionde stelle coronato intorno.

Era di maestà imperiosa adorno
il mio signor, che co ’l pensier cocente
la mia vita depreda egra, giacente,
per far incenerir il suo soggiorno.

La vita che diè al giorno, a me la tolse,
prodiga a lui di luce ed a me avara,
donna la amai, e riverila dea.

Ligommi il core il biondo crin, che sciolse,
che dal suo sguardo ad esser crudo impara,
e vidi fulminante Citherea.


da Sonetti amorosi e morali, Einaudi, 1965