mercoledì 23 aprile 2014

Geoffrey Hill

IL CANZONIERE DI SEBASTIAN ARRURRUZ (II)
               Sebastian Arrurruz: 1868-1922



4

Una fantasia praticabile. Il vecchio petulante 
Dolore ci torna metamorfosato
E semiprezioso. Ambra fortuita.
Come questo compensasse la nostra perdita.
Guarda come ogni frammento prende fuoco 
Trasformato, alla fine, nella luce della valutazione.


5

L’amore, oh amore, verrà
Di sicuro. Un temporale cova
Tutto il giorno la terra arida.
Le persiane di notte pulsano nel rovescio.

La metafora tiene: è una casa accogliente.
Tu sei fuori, perduta in qualche posto. Io mi trovo
A divorare versi di più strana passione
Ed esilio. Le parole esatte

Alimentano la mia vuota fame di te.


POSE

Immagino, ogni volta che m’immagino
Noi due più stilizzati e più amorevolmente
Definiti, di non essere me stesso 
Ma l’altro che sarei potuto essere: asessuato,
Permissivo sull’arte, capace d’apprezzare 
Lasciami dire le pose ben studiate 
Di Sant’Antonio o San Girolamo,
Quei pacifici sogni ermafroditi
Tramite i quali l’eccesso di memoria
Persegue la propria astinenza.


DAL LATINO

Ci sarebbero state cose da dire, quiete                 
Che poteva nutrirsi della nostra lussuria,
Fresche banalità, i fatti d’ogni giorno:
E di notte la mia lingua nel tuo solco.

Senza te sono deriso da cortesie 
E ciarle, dove donne soddisfatte per dovere
Spingono verso un ospite non necessario
Desiderabili tratti di conversazione.

(1922)


(segue)

Traduzione di F.D.

Da Collected Poems, Oxford University Press New York, 1986

Nessun commento:

Posta un commento