lunedì 14 ottobre 2013

Elizabeth Barrett Browning

SONETTO XXII 

Quando forti e diritte le nostre anime
si stringono in silenzio sempre più vicine,
finché le punte ricurve delle loro ali
aperte prendono fuoco, quale amaro
torto può farci la terra per impedirci
d’essere a lungo felici? Pensa! Mentre                        
saliamo in alto, gli angeli, incalzandoci,
sfere d'oro di canto perfetto vorrebbero
far cadere nel nostro profondo e caro
silenzio. Ma, amore, restiamo sulla terra
dove l'avverso, indegno umore degli umani
fugge gli spiriti puri, li isola e consente
un luogo dove stare, amare per un giorno,
con l'ombra e l'ora della morte intorno.

Traduzione di Francesco Dalessandro

da Sonetti dal portoghese, Edizioni Il Labirinto, 2002

1 commento:

  1. bello, bello!!! e bellissima anche la traduzione.

    RispondiElimina