mercoledì 7 marzo 2012

Samuel Taylor Coleridge


ALLA LUNA D’AUTUNNO


Mite splendore della multiforme Notte,
madre di sfrenate visioni, salve!                                                      
Ti guardo scivolare col fioco chiarore 
del tuo occhio che riluce tra soffici veli,   
o quando in alto persa ami nascondere
il pallido globo in un sudario di buio,                 
o dardeggi da nubi strappate dal vento
il raggio sereno sul cielo che si desta.                                             
Ah, così la Speranza è mutevole e bella!
Che spunti incerta su malinconiche viste                             
o nascosta dietro il drago alato Disperazione, 
con raggiante potenza subito rinata
sul grembo offuscato dolente della Cura 
veleggia, come meteora ardente in volo.                      


Traduzione di Francesco Dalessandro


Da The Works of Samuel Taylor Coleridge, Prose and Verse, Etc., British Library, Historical Print Editions, 2011

2 commenti:

  1. è possibile avere la versione in lingua originale?

    RispondiElimina
  2. Volentieri. Eccola:

    To The Autumnal Moon
    by Samuel Taylor Coleridge

    Mild Splendor of the various-vested Night!
    Mother of wildly-working visions! hail!
    I watch thy gliding, while with watery light
    Thy weak eye glimmers through a fleecy veil;
    And when thou lovest thy pale orb to shroud
    Behind the gather’d blackness lost on high;
    And when thou dartest from the wind-rent cloud
    Thy placid lightning o’er th’awakened sky.
    Ah, such is Hope! As changeful and as fair!
    Now dimly peering on the wistful sight;
    Now hid behind the dragon-wing’d Despair:
    But soon emerging in her radiant might
    She o’er the sorrow-clouded breast of Care
    Sails, like a meteor kindling in its flight.

    RispondiElimina